Maria di Madgala: tra incredulità e fede

29 aprile 2001

Collevecchio (RI)

Gv 20, 11-18

"Maria invece stava all'esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: "Donna, perché piangi?". Rispose loro: "Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto". Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù: "Donna, perché piangi? Chi cerchi?". Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: "Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo". Gesù le disse: "Maria!". Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: "Rabbunì!", che significa: Maestro! Gesù le disse: "Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro". Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: "Ho visto il Signore" e anche ciò che le aveva detto.

Per la riflessione personale durante il periodo di deserto:

ABBANDONO

  1. Maria piange perché è stata privata di una persona a lei cara. In quale episodio della mia vita mi sono sentito privato di qualcosa o di qualcuno, tradito dal mondo e abbandonato da Dio come Maria?
  2. SEGNI DI CONSOLAZIONE

  3. In queste situazioni negative quali segni di consolazione ho ricevuto ma ho ignorato, come Maria ignora gli angeli e lo stesso Gesù?
  4. LA "CHIAMATA"

  5. Quando, nel mio vissuto, ho fatto esperienza concreta, come Maria, di essere interpellato di persona da Gesù?
  6. "CHI CERCHI"?

  7. Gesù rivolge anche a me la domanda che pone a Maria: "Chi cerchi?". Io chi cerco in Dio? Che volto ha il mio Dio?
  8. LA MISSIONE

  9. Maria, nonostante l'incontro con il Risorto, non riesce a staccarsi dal ricordo del Gesù terreno come era prima della morte. Perciò lo vuole trattenere, impedendogli di portare a termine il proprio cammino. Gesù la esorta ad accettare la novità, a staccarsi da lui per trasformare la propria vita in servizio e annuncio agli altri. Questo cambiamento è in atto nella mia vita? Oppure tengo Dio prigioniero dei miei schemi?