La Sorgente

Incontro di verifica


Incontro di Sabato 10 Aprile 2010


Incontro di verifica sul cammino del gruppo.

14 «Poiché avverrà come a un uomo il quale, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e affidò loro i suoi beni. 15 A uno diede cinque talenti, a un altro due e a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità; e partì. 16 Subito, colui che aveva ricevuto i cinque talenti andò a farli fruttare, e ne guadagnò altri cinque. 17 Allo stesso modo, quello dei due talenti ne guadagnò altri due. 18 Ma colui che ne aveva ricevuto uno, andò a fare una buca in terra e vi nascose il denaro del suo padrone. 19 Dopo molto tempo, il padrone di quei servi ritornò a fare i conti con loro. 20 Colui che aveva ricevuto i cinque talenti venne e presentò altri cinque talenti, dicendo: "Signore, tu mi affidasti cinque talenti: ecco, ne ho guadagnati altri cinque". 21 Il suo padrone gli disse: "Va bene, servo buono e fedele; sei stato fedele in poca cosa, ti costituirò sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore". 22 Poi, si presentò anche quello dei due talenti e disse: "Signore, tu mi affidasti due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due". 23 Il suo padrone gli disse: "Va bene, servo buono e fedele, sei stato fedele in poca cosa, ti costituirò sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore". 24 Poi si avvicinò anche quello che aveva ricevuto un talento solo, e disse: "Signore, io sapevo che tu sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso; 25 ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra; eccoti il tuo". 26 Il suo padrone gli rispose: "Servo malvagio e fannullone, tu sapevi che io mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; 27 dovevi dunque portare il mio denaro dai banchieri; al mio ritorno avrei ritirato il mio con l'interesse. 28 Toglietegli dunque il talento e datelo a colui che ha i dieci talenti. 29 Poiché a chiunque ha, sarà dato ed egli sovrabbonderà; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha. 30 E quel servo inutile, gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor dei denti"».

(Rm 14,7)



Alcuni punti fermi del nostro essere gruppo
Il nome del gruppo e l'antico simbolo cristiano che lo identifica (il cervo alla sorgente) vogliono rendere, con l'immagine, il nostro progetto: l'incontrarsi delle persone intorno a quella sorgente che è il Signore Gesù.

Il gruppo raccoglie uomini e donne che desiderano condividere, oltre alla comune condizione omosessuale:

  • Una visione ulteriore al di là della propria storia terrena
  • Un riferimento trascendente al proprio agire morale
  • Un desiderio di riconoscimento della propria dignità di figli di Dio
  • Una volontà di coinvolgersi in un cammino relazionale.


Le finalità del gruppo sono:

  • Offrire uno spazio accogliente e discreto, dove ciascuno possa sentirsi accettato ed ascoltato
  • Riscoprire nella Parola di Dio l'elemento vivificante della nostra vicenda quotidiana.
  • Aiutarsi vicendevolmente a sostenere la responsabilità di un agire cristianamente orientato
  • Attraverso la dimensione comunitaria, stimolarsi reciprocamente ad un'attenzione verso l'altro.
  • Porre in atto gesti concreti di solidarietà, anche come impegno per uscire da se stessi, in un' ottica di conversione.

La sessualità rimane per noi un aspetto importante dell'esistenza e crediamo che anche una persona omosessuale abbia il diritto di vivere questa esperienza, ma restiamo altresì convinti che il senso pieno della sessualità si realizza quando essa è strumento di comunione tra due persone, segno di affetto vero, manifestazione di un'amicizia sincera e responsabile.


Spunti per la riflessione

  • Il Signore mi ha affidato un talento? Ne ho fatto esperienza come omosessuale? Quando?
  • Hai mai pensato al gruppo quale luogo dove "investire" tuo talento? Perchè?
  • Che cosa pensi dell'invito a essere più visibili e impegnati nella lotta contro l'omofobia? Più impegnati nel gruppo? Quale fattiva disponibilità ti senti di dare a servizio degli altri?
  • Quale aspetto della vita del gruppo pensi sia da rivedere o migliorare?



Preghiera finale

27 Allora Pietro, replicando, gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato ogni cosa e ti abbiamo seguito; che ne avremo dunque?»

28 E Gesù disse loro: «Io vi dico in verità che nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, anche voi, che mi avete seguito, sarete seduti su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele.

 

29 E chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi a causa del mio nome, ne riceverà cento volte tanto, ed erediterà la vita eterna.

30 Ma molti primi saranno ultimi e molti ultimi, primi.

(Matteo, 19,27-30)